Archivio fotografico
Scandiano
Arceto
Reggio Emilia
Luzzara
Castelnuovosotto
Guastalla
Trassilico
 

 


Archivio fotografico
Sez. 2- Reggio Emilia

(didascalie a cura di Don Guido Agosti)

Reggio Emilia
Basilica di S. Prospero, concattedrale
Reggio Emilia
Basilica di S. Prospero, concattedrale
Reggio Emilia
Torre di S. Prospero [G. A.].
Reggio Emilia
Vicolo Casalecchi, che sfocia in Piazza S. Prospero. Nella casa d’angolo abitava Giovanni Casalecchi, promotore della laurea di Vallisneri [G. A.].
 
Reggio Emilia
Via S. Nicoḷ, giardino e case dei fratelli Antonio e Don Francesco Vallisneri [G. A.].
Reggio Emilia
Via S. Nicoḷ, giardino pensile di casa Vallisneri, dove, peṛ, l’ornato a merli è un falso architettonico recente [G. A.].
Reggio Emilia
Vicolo S. Nicoḷ, n. 9. Passo carraio per il transito delle carrozze, ora trasformato nell’ingresso di una filiale del Monte dei Paschi di Siena [G. A.].
Reggio Emilia
Via S. Nicoḷ, particolare delle case Vallisneri (e non Zoboli, come indicato nella lapide) [G. A.].
 
Reggio Emilia
Via S. Nicoḷ, n.9. A destra e a sinistra della finestra si nota ancora la traccia di un altro ampio ingresso, eliminato a seguito dell’unione di due case contigue [G. A.].
Reggio Emilia
Ex Via del Seminario, ora Via Don Andreoli, n. 6. Forse ingresso posteriore delle case Vallisneri, ora della filiale del Monte dei Paschi di Siena [G. A.].
Reggio Emilia
Via S. Nicoḷ, n. 9. Case e giardino dei fratelli Antonio e Don Francesco Vallisneri [G. A.].
Reggio Emilia
Via S. Nicoḷ, angolo di Palazzo Zoboli, di fronte alle case Vallisneri [G. A.].
 
Reggio Emilia
Via S. Nicoḷ, Palazzo Zoboli con lacerti del cornicione armato, opera dell’architetto Casotti (sec. XV) [G. A.].
Reggio Emilia
Via S. Nicoḷ, che sfocia nella Via Emilia [G. A.].
Reggio Emilia
Via Don Andreoli (ex Via del Seminario), n. 6. La recente ristrutturazione  ha eliminato le tracce dell’unione delle due case Vallisneri con la rimessa delle carrozze e con la scuderia [G. A.].
Reggio Emilia
Via Don Andreoli, n. 6, case dei Vallisneri. La ristrutturazione recente (anni ’80) ha aggiunto strisce ornamentali marcapiano in stile rinascimentale prima inesistenti [G. A.].